mercoledì 27 ottobre 2010

Hairshirt


In questa puntata di psongology (ovvero: crimini contro le canzoni, dal ventriloquismo all’appropriazione indebita) faremo a pezzi un brano dei R.E.M. Sfortunatamente, non conosco altro modo di far parlare le canzoni se non usandole e riusandole a mio piacimento col risultato che, spesso, emerge ben altro rispetto a quello che esse, docili, vogliono dire, rispetto a quello che gli autori hanno cercato di esprimere. Su di loro, senza volerlo, si proiettano desideri, stati d’animo, sensazioni, e di colpo diventano più che canzoni, più che musica, diventano specchi, contenitori vuoti da riempire. Non sempre tutta la colpa è del sottoscritto, a volte sono le canzoni stesse a prestarsi a molteplici interpretazioni, a volte sono difficili o ambigue, a volte sono volutamente inafferrabili (e ciò le rende più affascinanti ma più "manipolabili"), a volte rimandano ad altre canzoni e moltiplicano così il gioco e il divertimento…

R.E.M. - Hairshirt

So alone so alone in my life
Feed me banks of light
And hang your hairshirt on the lowest rung
It's a beautiful life
And I can hang my hairshirt
Away up high in the attic of the wrong dog's life chest
Or bury it at sea
All my life I've searched for this

Here I am here I am in your life
It's a beautiful life
My life
It's a beautiful life
Your life

Così solo, così solo nella mia vita
Nutriscimi con banchi di luce
E appendi your hairshirt sul chiodo più basso
E' una vita bellissima
E posso riporre my hairshirt
Su nella soffitta del baule della vita del cane sbagliato
O sprofondarlo nel mare
Tutta la vita l'ho cercato

Eccomi eccomi nella tua vita
E' una vita bellissima
La mia vita
E' una vita bellissima
La tua vita

traduzione di gianluca

"Hairshirt", letteralmente, maglia di peli, di pelame... fa riferimento al cilicio, sorta di indumento usato come simbolo di espiazione e di penitenza, quindi un simbolo che indica un senso di colpa, un debito, un legame...

Rinunciare al proprio senso di colpa, al proprio cilicio, e librarsi, finalmente, gettare le zavorre, sollevare la propria mongolfiera. E afferrare, affermare che questa vita è bella, tutto sommato, bella nonostante tutto, contro tutto. Liberarsi da questo marchio e amare, amare la vita degli altri assieme alla nostra. Nutrendoci di banchi di luce.

Your life
It's beautiful life