sabato 15 giugno 2013

Dostoevskij 1872

Vasilij Grigorevič Perov, Portret F. M. Dostoevskogo, 1872 - Mosca, Galleria Tret'jakov
Questo ritratto di Vasilij Perov, forse il più celebre di Dostoevskij, fu commissionato dal mecenate moscovita Pavel Tret'jakov, ed è ora custodito nel Museo che porta il suo nome. Della sua realizzazione ha parlato la moglie di Dostoevskij nel suo libro di memorie; tuttavia  traggo la citazione dalla splendida monografia di Leonid Grossman, perché la traduzione italiana delle memorie di Anna Dostoevskaja (Dostoevskij mio marito, Bompiani 1942) è inspiegabilmente privata di molte parti, compresa la seguente:

«Prima di incominciare il lavoro Perov venne a casa nostra ogni giorno per due settimane. Trovava Fëdor Michajlovič nei più svariati stati d'animo, s'intratteneva con lui in lunghe conversazioni, provocava le discussioni, e così aveva la possibilità di osservare quell'espressione caratteristica che Fëdor Michajlovič aveva quando era immerso nei suoi progetti artistici. Si può dire che Perov riuscì davvero a riprodurre Dostoevskij nel momento della sua creazione». (1)

Questa invece è tratta da un articolo del pittore Ivan Kramskoj, come Perov uno degli "ambulanti" (peredvižniki), amico sia di Tolstoj che di Dostoevskij, ed è citata nel saggio di Claudia Olivieri Dostoevskij: l'occhio e il segno

«Nella tela sono evidenziati tutti i lati forti dell'artista […], guardandolo non sai cosa maggiormente ti stupisca; il più grande pregio resta comunque l'aver reso il carisma e dell'uomo e del grande romanziere». (2)
________________________
(1) Vospominanija A. G. Dostoevskaja, cit. in Leonid P. Grossman, Dostoevskij, p. 561, Samonà e Savelli, 1968.
(2) Ivan N. Kramskoj, "O portrete F. M. Dostoevskogo", cit. in Claudia Olivieri, Dostoevskij: l'occhio e il segno, Rubbettino, 2003.